Ammorbidente

Ammorbidente

Con tensioattivi di origine vegetale

  • orchidea

Formato 1000ml - 5,90€

Crema per il viso anti-age

Crema per il viso anti-age

Con Acido Ialuronico, estratto di Rosa canina, Camomilla, Acqua di Malva e burro di Karitè biologici

  • rosa-canina
  • camomilla

Formato 50ml - 19,90€

Bagnodoccia

Bagnodoccia

Con vitamina E ed estratto di mirto bio

  • mandarino
  • vaniglia

Formato 200ml - 6,90€

AMSTERDAM. EKOPLAZA APRE IL PRIMO SUPERMERCATO CON REPARTO “PLASTIC FREE”.

Breve premessa: per chi non lo sapesse, letteralmente packaging significa imballaggio, è la confezione di un prodotto, oggi, il packaging è diventato molto più di un semplice imballaggio, è una forma di comunicazione verbale ed un media pubblicitario.

Chi fa la raccolta differenziata non può fare a meno di notare che il sacco della plastica si riempie molto in fretta. Basta pensare che ogni anno in Italia beviamo 11,5 miliardi di litri di minerale in bottiglie di plastica. Poi ci sono i vari flaconi di detersivo e shampoo, le vaschette per l’ortofrutta, i vasetti di yogurt e i contenitori delle uova, oltre ai sacchetti della pasta e dei surgelati. 

I materiali plastici, ricavati da petrolio, sono economici, versatili, leggeri e resistenti, così resistenti che non sappiamo più come liberarcene: il risultato è che quintali di plastica invadono oceani, fiumi, laghi e, secondo il rapporto di Legambiente “Beach Litter 2018″, il 96% delle spiagge monitorate sono inquinate da plastica.

E' quindi responsabilità di chi progetta e produce packaging come di chi ne commissiona la realizzazione, valutare attentamente come ridurre al minimo sprechi inutili e impatti ambientali. Infatti, quello che fino ad un decennio fa era visto come un elemento di sensibilizzazione, oggi è una vera e propria necessità. In particolare per certe materie e in certe zone del mondo potrebbe essere definita una vera emergenza.

Ma ecco che arriva la novità: Nasce il primo supermercato del mondo senza plastica.

Succede ad Amsterdam, dove la catena specializzata in prodotti bio Ekoplaza, ha inaugurato il primo reparto al mondo completamente «plastic-free». 680 prodotti confezionati in imballaggi biodegradabili. Per il momento si tratta di un esperimento partito dal primo negozio della catena, ma il supermercato afferma che l’iniziativa – nata dalla collaborazione con l’associazione ambientalista inglese A Plastic Planet – verrà estesa a tutti i 74 negozi sparsi nel Paese.

La novità sta proprio nelle dimensioni dell’offerta, che con circa 700 prodotti privi di imballaggi di plastica diventa un’alternativa credibile ai supermercati tradizionali. Carne, riso, frutta e verdura, salse e latticini di ogni genere; tutto è in vetro, metallo o carta, e alcuni biomateriali sono frutto di pura sperimentazione, messi al banco di prova per la prima volta, come ha sottolineato il Ceo di Ekoplaza.

E' solo l’inizio del nostro “movimento senza plastica” afferma Ekoplaza. Un movimento che pare stia raccogliendo i primi frutti: è anche grazie ad iniziative come queste e alla pressione di gruppi ambientalisti come A Plastic Planet se la politica se ne sta accorgendo.

“In un’epoca in cui possiamo avere cibi senza glutine, senza grassi e senza lattosio – si chiedono gli attivisti – perché non possiamo acquistare alimenti senza plastica?” 

Se l’esperienza di Ekoplaza può fare ben poco per ridurre in modo significativo l’inquinamento della plastica nell’ambiente, iniziative come questa possono agire da stimolo e modello per le maggiori realtà.

www.lastampa.it  

www.dissapore.com

Animation

Vivere rispettando l’ambiente
Live Natural

Iscriviti alla newsletter